Pozzi in Africa, “pour la guerre ou pour l’agriculture?” 

Con l’immenso numero di pozzi scavati in Africa col finanziamento a fondo perduto di Governi, Enti sovranazionali e privati, Fondazioni e Associazioni umanitarie( fra cui i Lions, che ho abbandonato dopo decenni, non ultimo proprio per questa politica cieca alle esigenze cogenti del territorio locale ma larghissima verso la pioggia finanziaria incontrollabile indirizzata per sentirsi la coscienza pulita al Continente Nero), l’Africa stessa dovrebbe essere un enorme lago e il Sahara un paradiso irrigato. Invece, centinaia di milioni di Dollari non solo sono stati inutili, ma in gran parte sono finiti nelle tasche dei Dittatori-Capi tribù anche per comprare armi e pagare mercenari per mantenerli al Potere. Esprimeva bene questo concetto il film  “Fin che c’è guerra c’è speranza” con Alberto Sordi, nella scena in cui il Dittatore di turno faceva sì che i suoi sodali, pubblicamente concionati con una domanda retorica circa se certi fondi perduti internazionali ricevuti fossero da usare “pour la guerre ou pour l’agriculture”, riceveva subitanea ed entusiasta risposta acclamata da parte del popolo:”pour la guerre!!!”
Paolo Turati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...