Archivi del mese: gennaio 2017

UNI(CRASH)IT ALL’ORIZZONTE?

Piazza Affari chiude perdendo il 2,95%
lastampa.it

I mercanti di azioni capaci e professionali non sono stupidi, quindi si saranno certamente già riposizionati: il fatto è che i Media hanno “grancassato”, così come per Mps, per anni a favore di questa banca disastrata che in un solo anno, quello passato, ha perso 12 miliardi di Euro e…hai voglia too big to fail con 76 miliardi( diconsi settantasei!) di crediti deteriorati…se non li ri-raccoglie entro un mese, ‘sti 12 o 13 miliardi( il più grande aumento di capitale della Storia in Italia, e non sarebbe comunque risolutivo, stante quanto sopra), dai risparmiatori e dai Fondi e Gestioni( quelli che si sono fatti, come sempre, “grancassare” dai Media e sono rimasti a bagno nelle azioni della banca), il default( e Fineco è il “birillone” che potrebbe subire a sua volta un subitaneo impatto mortale, visto che è piena di titoli della “casa madre” in carico ai clienti), parziale o totale, come ammettono gli stessi vertici( superpagati da decenni per arrivare a tutto ciò: complimenti vivissimi anche a chi doveva controllare) della Banca, è dietro l’angolo. Spiace dover dire che siamo stati fra i pochi che da anni, inascoltati, hanno messo in guardia… .

Paolo Turati

La settimana inizia in forte rosso per Piazza Affari che, a metà seduta, crolla di oltre due punti percentuali, dopo un avvio che era stato in leggero calo. Milano segna…
lastampa.it

DELL’ORIENTE E DELLA GRECIA

guerra-fredda

…era il sottotitolo  a “Storia dei Popoli” di un famoso testo di Storia edito da Le Monnier per il Ginnasio e per il Liceo negli Anni Sessanta/Settanta. Si badi bene il riferimento a ‘dei Popoli’, non ‘delle Civiltà’: come a dire ‘mankind first’. E, in effetti, se andiamo a vedere nei recessi della Storia, se è ben vero che la gente è sempre stata usata come strumento per creare e sostenere le élite che la governavano, è anche vero che, nei momenti topici, è stata proprio la gente comune a determinare con la propria massa i cambiamenti epocali. Si pensi, coem esempio tra tanti, ai Puritani inglesi del Mayflower( e seguenti): privati cittadini senza la cui colonizzazione, oggi l’America sarebbe un’altra cosa. E’ ormai asseverato che oggi si stia assistendo ad un rigurgito popolare diffuso, in un Mondo in cui il Capitalismo che ha “governato” gli ultimi Secoli ha ormai mostrato tutte le sue pecche. Gli Usa e la Russia che dialogano, assieme alla Gran Bretagna, in termini nazionalistici in apparenza per contrastare il fenomeno islamista ma, in realtà, con l’obiettivo puntato su quello che sarà il prossimo scontro di Civiltà, quello che rischia di essere mortale -qualora si manifestasse in modo, come possibilissimo, bellico- una volta per tutte per il Pianeta, cioè quello con la Cina ed i propri sodali orientali, mostrano chiaramente come dal Popolo sia necessario ripartire per ottenere un sostegno “forte”. La Grecia, pur nel suo infinitesimo spessore economico, è l’esempio classico di come il Popolo sia stato negli ultimi decenni considerato come un elemento di poco conto nella gestione di una partita che, in realtà, è sistemica in un quadrante geopolitico importante come quello europeo e proprio quel popolo potrebbe far saltare definitivamente un banco, quello delle Euro-caste-massoniche( o giù di lì), sempre più in affanno nell’aver mal gestito un Sistema che le ha infinitamente arricchite e potenziate ma anche rese erga omnes invise alla gente comune, quella che non capisce, anche se Bergoglio e gli “Ottimati” di Bruxelles “tirano la volata” a questa invasione in quanto è solo con stati emergenziali rilevanti che possono sperare di controllare ancora il loro gregge, perché i confini dei propri Paesi, tutelati sinora per Secoli in modo efficiente anche a costo della vita nell’interesse dei propri abitanti, debbano essere stati resi permeabili ad invasioni etniche che sono  nella stragrande maggioranza dei casi di tipo economico quando, peggio, non lo siano di tipo terroristico-militare. Dall’Oriente alla Grecia, giustappunto, se si va a leggere il volume di cui sopra, è già tutto spiegato dalla Storia passata che si ripete, senza fine, nel suo “eterno ritorno “. Ne parlerò più approfonditamente in una Conferenza sulla Nuova Guerra Fredda Giovedì 2 Febbraio alla h 20 in Via Conte Rosso 3 a Torino.

16265806_10208282546598178_8308618679948113897_n

Pa0lo Turati

Greece three weeks away from ‘explosive’ debt problems, say IMF

A failure for Greece and the EU to reach a compromise by February 20 ‘would bring back Grexit with a vengeance’.

theguardian.com|Di Helena Smith

RAT RACE PREELETTORALE DI POSIZIONAMENTO PER POLTRONE IN PIEMONTE( COME ALTROVE)

Inizia la “Rat Race” per Montecitorio: come andrà in Piemonte? Secondo un’autorevole expertise, lo stesso numero di Seggi per M5S e PD e solo ai Capilista dell’ex Pdl lo scranno parlamentare, donde, specie in casa FI, ormai minoritaria rispetto alla Lega, “sgomitamenti” di posizionamento preelettorali alla grande all’orizzonte!

P.T.

La metà degli attuali parlamentari del Pd eletti in Piemonte potranno mettere in soffitta il trolley, o al più, utilizzarlo in vacanza. E forse ci penseranno su due volte quelli che ne avevano adocchiato uno vetrina, pregustando l’uso di quell’accessorio da…
lospiffero.com

QUANDO UNA DEMOCRAZIA DIVENTA ILLIBERALE: LE CASTE EUROPEE

E’ evidente a tutti, meno che alle élite le quali questa “democrazia illiberale” hanno costruito. A breve, la “decostruzione” europea, alla quale i Popoli dovranno, sporcandosi, loro sì, le mani, provvedere. In realtà abbiamo vissuto mezzo Secolo in cui la nobiltà di sangue “ancienregimiana” è stata sostituita dalla nobiltà di posizionamento”, generando una élite tecno-buropolitica-finanziaria ancor meno in grado di rendersi responsabile del bene comune dell’antica Nobiltà spazzata via nella prima metà del Novecento, attenta, quell’élite ultraliberista resasi immensamente influente dopo il Crollo del Muro di Belino, solo alla perpetuazione nella detenzione del proprio Potere e della ricchezza estrema concentrata su pochissimi soggetti.

Paolo Turati

Il filosofo inglese contro l’ideologia ultraliberale: Brexit è stato il primo di una serie di shock che travolgeranno l’integrazione
lastampa.it

SCENARIO, MAGARI NEPPUR FANTASCIENTIFICO, POST VOTO PROSSIMO VENTURO

Sondaggio più o meno coerente col “sentire” della gente comune: come si può notare, il M5S ha ormai definitivamente conquistato il Centro a scapito di una Forza Italia( che nel sondaggio appare perfino sopravvalutata, specie se si considerano le ultime invereconde vicende olgettinberlusconiane: http://milano.repubblica.it/…/milano_berlusconi_caso_ruby_…/ ) che “pigola sempre più piano”. Non impossibile immaginare nel post-voto una coalizione di scopo fra M5S e Lega-FdI per liberarsi dall’Euro e tutelare i nostri prodotti di concerto con gli altri Paesi EuroMed entro 3-5 anni, normalizzare la questione dell’immigrazione clandestina e intervenire duramente contro la criminalità islamista e organizzata, nonché mettere in sicurezza il Sistema finanziario snaturato dai banksters.

Paolo Turati

Staccati di oltre 15 punti Lega e Forza Italia
agi.it|Di AGI – Agenzia Giornalistica Italia

Dow Jones, super record storico…rob de matt…

 

Triplicato in 15 anni e più che decuplicato in 30 anni il Daw Jones e quintuplicato in 15 anni e cinquantuplicato in 30 anni  il NASDAQ in una congiuntura del Mondo Occidentale sostanzialmente molto negativa: non mancherà un redde rationem brusco e dolorosissimo.

Paolo Turati

https://www.google.it/amp/www.lastampa.it/2017/01/25/economia/wall-street-il-dow-jones-batte-ogni-record-superata-quota-JvLR9gKX2MPd01ll9UiNkJ/amphtml/pagina.amp.html

PAOLO TURATI ED ALTRI RELATORI SU “LA NUOVA GUERRA FREDDA”, A TORINO IL 2 FEBBRAIO H 20

Apparentemente terminata in via ufficiale nel 2010 con il Trattato New Start di Praga, la Guerra Fredda, iniziata sin dalle Conferenze del Cairo e -quindi- di Teheran e di Yalta alla fine Seconda Guerra Mondiale, pare trovare nuovo fuoco sotto la cenere, su fronti nuovi e vecchi, segnatamente connotati in via primaria dai rapporti che Mondo Occidentale si trova a dover intrattenere, e oggi in situazione di debolezza, con il Gigante cinere risvegliatosi dopo 500 anni: si pensi che nel 1500 la Cina era titalare del 30% del PIL Mondiale, obiettivo che tende ormai dichiaratamente di voler nuovamente raggiungere nei prossimi pochi decenni. Contestualmente l’Occidente continentale, sempre più vecchio, sta subendo un’invasione per “traspasudamento” attraverso i propri confini non presidiati da parte di cospicue masse di etnie africane ed asiatiche connotate dal Credo religioso islamico e, spesso, islamista. Quali sono i veri nemici e quali gli amici è da sempre un azzardo capirlo, in Geopolitica, ma, quantomenno, alcuni punti fermi , specie dopo la vittoria di Trump negli Usa e la Brexit, vanno posti. L’obiettivo della conferenza a cui parteciperò con altri relatori il 2 Febbraio alle h 20 in Via Conte Rosso 3, Torino, cercherà di sviluppare tali temi.

Paolo Turati

L'immagine può contenere: sMS
L'immagine può contenere: una o più persone