NON SI MUORE MAI TROPPO PRESTO

Visti un Harrison Ford 73nne mimare stancamente quello che era stato 30 anni prima in “Guerre Stellari episodio VII il risveglio della…prostata”( lo stesso George Lucas si è lasciato scappare una stigmatizzazione imbarazzante su questo episodio che ha conferito “in concessione a terzi”, peraltro certamente non a titolo gratuito ) e tristemente pronto al primo ciak del V episodio di Indiana Jones, un Bruce Willis appeso ad una seggiovia con un cellulare Vodafone che lo ‘sostiene moralmente’ assieme al solito Italiano fraccicone mentre l’impianto di risalita risulta irrimediabilmente “fffeermmooo” per ore e “Mr Dance with the wolves now swim with the tunas” mangiarsi il Tonno Rio Mare come un Tatanka in forma però di Big white shark da tavola ad ogni piè sospinto nei break pubblicitari delle nostre televisioni, non resta che ringraziare( nell’interesse della loro stessa memoria) che Amedeo Modigliani, James Dean, George Gershwin o Franz Schubert abbiano lasciato questa vita poco più che trentenni. Diversamente, pensate a che iattura si sarebbe potuto esporre un W.A. Mozart ottantenne nel produrre una melensa ninna nanna dal titolo “Eine kleine kinder musik” per il nipotino neonato del cognato del Principe Arcivescovo di Salisburgo contro un piatto di lenticchie.

Paolo Turati

Kevin Costner ha avuto una carriera sfavillante da “Balla coi Lupi” a “Gli Intoccabili”, costellata da premi prestigiosi e interpretazioni magistrali. E allora la domanda che…
huffingtonpost.it
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...