FONDAZIONE MAGELLANO CONTRO IL TRADIMENTO ALLA CULTURA

12119184_186092955059102_3786377384462560018_n11224716_186094315058966_4700399632424769483_n 11226040_186092825059115_480793402512875712_n 12115975_186112845057113_4414372295478630701_nSe è  nei fatti che si riconoscono le persone coraggiose e di qualità , quello di aver partecipato all’odierno convegno condotto da Paolo Turati presso lo splendido Oratorio San Filippo Neri di Torino “LA CULTURA TRADITA”, organizzata dalla Fondazione Magellano presieduta da Angelo Burzi, da parte di un novero di prestigiosi relatori che hanno avuto tutti e senza esclusione alcuna la risolutezza di denunciare con diverse ma convergenti sfumature lo sfasciume totale della Cultura “governativa”( di Sinistra, nello specifico torinese, ma anche, a livello più generale, di Destra) dimostra che un fronte esteso a tutte le aree politiche di “ribelli al conformismo” c’è eccome, ed è forte e motivato a far sì che le cose cambino, e presto, prima che i danni causati dalla ‘mala gestio’ politica degli ultimi decenni diventino irreversibili . E non solo nella Cultura, ma anche nella Finanza, nell’Economia, nella Sanità, nelle rendite di posizione: obiettivi tutti nel mirino della Fondazione Magellano.

Presenti oltre settanta operatori culturali e amministratori pubblici( fra cui gli amici Consiglieri Regionali Claudia, Porchietto, Gilberto Pichetto e Maurizio Marrone), che hanno seguito attentamente le oltre 2 ore dei lavori  svolti da parte degli speakers Enzo Biffi Gentili, Massimo Introvigne, Juri Bossuto, Riccardo De Caria e Chiara Appendino.

Il video dell’evento:

Lo Staff di Tactica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...