Archivi del mese: settembre 2015

CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE FONDAZIONE MAGELLANO – 1 OTTOBRE H 11.30, CAFFÈ TORINO

foto di Tactica Srl. 

foto di Tactica Srl.

 

Italian Sale di Sotheby’s

image

image

Eccellente come sempre la preview torinese dell’Italian Sale londinese degli amici di Sotheby’s, tenutasi presso i consueti spazi dell’Ersel, una storica e nota realtà in campo finanziario che stimiamo da tempo vieppiù per la sua attenzione all’Arte e al Sociale.
Nelle immagini le nostre Rosalba Pastorino, A.d. di Tactica, e Paola Berroni, curatrice artistica, “con” Fontana e Morandi, e il sottoscritto con l’amica Valentina Pastorelli, bravissima art advisor di Sotheby’s, “con” Burri.
Paolo Turati

Immagine

Tactica pro Orchestra Polledro

image

SERATA DI APPROFONDIMENTO SUL “BAIL IN” CONDOTTA DA PAOLO TURATI IL 28 SETTEMBRE, RELATORI: PIROVANO(ABI), ALBESANO( MEDIOLANUM), SANNA( ACP) E PORCHIETTO(C.R.PIEMONTE)

12042915_10205297743427766_3174188353696570286_n IMG-20150928-WA0003 IMG-20150928-WA0004Oltre 130 persone, fra professionisti, managers, imprenditori, banchieri e responsabili di enti associativi a livello nazionale si sono confrontati Lunedì 28 Settembre col delicato tema del “Bail In” per più di due ore presso la sala convegni dell’Hotel Diplomatic a Torino. Organizzazione in co-branding di Banca Mediolanum Private, Magna Carta Nord-Ovest, Costituente Fondazione Magellano, Moderatore l’Economista Paolo Turati( Presidente di Tactica e di Magna Carta Nord-Ovest), relatori Giovanni Pirovano( membro del Comitato esecutivo dell’Abi), Massimo Albesano( regional manager Banca Mediolanum Private), Gavino Sanna( Presidente ACP-federata nazionale Confconsumatori) e Claudia Porchietto( Consigliere Regionale e Dottore Commercialista).

Lo staff di Tactica

Immagine

“LA CULTURA TRADITA”: CONVEGNO DI ‘COSTITUENTE FONDAZIONE MAGELLANO’ MODERATO DA PAOLO TURATI CON PRESTIGIOSI SPEAKERS SABATO 3 OTTOBRE H 10 ALL’ORATORIO DI S.FILIPPO NERI A TORINO

TURATI-MCNO_Invito_3_Ottobre_h_10_LA_CULTURA_TRADITA

‘POTENZA’ E…IPOCRISIA DI…’COPPIA’ NEL PADRE DI TUTTI GLI SCANDALI, A WOLFSBURG

Ipocrisia, al solito: le auto oggetto del più grande scandalo economico della Storia( Enron era cosa da bambini in confronto) erano state truccate per coniugare elevate prestazioni in termini di Kw e di coppia con basse emissioni e bassi consumi, cosa non così facile, evidentemente, tanto che la concorrenza era stata sbaragliata negli ultimi anni e si capisce ora in che modo. Sicché, se richiamando i veicoli li metteranno in regola le emissioni, quei motori perderanno certamente brillantezza prestazionale( per non stare a disquisire sui consumi): nel caso vi richiamino il veicolo, fatevi rilasciare( e vedrete che non sarà facile ottenerla) una certificazione scritta del concessionario del mantenimento della potenza e della coppia originali verificata al banco post “sistemazione”, da far poi verificare( verifica che è tutto da vedere se avrà esito positivo) da un ente terzo di vostra scelta a spese loro. L’unica soluzione accettabile, in realtà, sarebbe che il gruppo Vw sostituisca gratuitamente tutte le auto taroccate con auto nuove completamente in regola e con prestazioni e caratteristiche certificate, cosa che non potrà evidentemente fare, pena il fallimento.

Paolo Turati

Dieci giorni per “pulire” le vetture truccate, altrimenti scatta lo stop alla circolazione. Oggi la lista dei modelli da richiamare. Renzi: “Non ho paura per la crescita del Paese”
lastampa.it

GOODBYE PICCADILLY, FAREWELL TO BRUXELLES!

Maggioranza assoluta dei seggi per gli Indipendentisti catalani: un ulteriore chiaro messaggio dell’Europa dei Popoli all’Europa della Nomenklatura. Il Regno Unito sta per lasciare la Dunkerque del XXI Secolo, l’Austria e l’Ungheria stanno scaldando i motori per andarsene pure loro e chissà che una Francia ad eventuale trazione Le Pen non li anticipi… . Solo noi, pavidi Italioti tentenniamo, ma, come sempre, sarà la Storia a trascinarci. Googbye Piccadilly, Farewell to Bruxelles coming finally soon!

Paolo Turati

Hanno la maggioranza dei seggi ma non raggiungono il 50% dei voti