Archivi del mese: febbraio 2011

FICO A VERBANIA!

Inaugurazione domenica 27 Febbraio a Villa Giulia a Verbania della grande mostra di Ettore Fico, curata dal Direttore Andrea Busto, al cui invito ho volentieri aderito.

Paolo Turati

Annunci

SCEGLIETE LA SALUTE!

Gran successo divulgativo, il 26 Febbraio, del Progetto regionale piemontese" Io scelgo la salute", a cura del'Aress, diretta dall'ottimo Claudio Zanon, coordinato da Giulia Gioda. Nella foto, il banchetto informativo di via Roma, a Torino, con  Anna, Luisa e Paola.

Paolo Turati

EQUILIBRIO INTERROTTO

 File:Fritz Zuber-Buhler Maternity.jpg
Nell'impossibilità di farlo singolarmente, stante l'alto numero di messaggi personali pervenutomi da utenti di Social networks su cui ho recentemente condiviso un articolo de Il Corriere della Sera avente per oggetto una( volta tanto netta) presa di posizione, che – pur non essendo io sovente allineato al Vaticano- approvo appieno, di Papa Ratzionger su alcuni aspetti del problema dell'aborto, cerco di chiarificare qui di seguito( al di là di ogni pretesa dogmatica e, men che meno, moralistica), quella che è stata l'elaborazione del pensiero "più alto" che si è sviluppata nel corso degli ultimi Millenni sul tema. Le conclusioni appaiono univocamente serie e la controvertibilità, obbiettivamente, assai limitata.

Paolo Turati

Secondo le dottrine( nell’amalgama di migliaia di anni di pensiero “alto”: da Eraclito, a Platone, da Origene a Buddha, addirittura da Freud, col suo eterno ritorno, a Jung) del divenire( la nostra condizione presente non è altro che la causa naturale di ciò che abbiamo fatto nel nostro passato, con azioni e pensieri, con che, attraverso la stessa dinamica, il nostro futuro sarà esattamente determinato da ciò che facciamo nel nostro presente) eterno trinitario di spirito-anima-corpo, quando lo spirito progetta una sua umana vita terrena, radunando intorno a sé le forze che edificheranno la nuova corporeità fisica, stabilisce, con coloro che prenderanno parte alla formazione dell’embrione, il luogo, il tempo e le modalità con cui ciò dovrà accadere sulla terra.
 
L’impedimento che, perturbando in misura più o meno grande- non è questo quello che conta- l’equilibrio universale attraverso l’aborto volontario, vanifica l’esperienza di tale prova costituisce un limite evolutivo per tutti coloro che vi si trovano coinvolti; pertanto la prova, anche se modificata nei suoi aspetti esteriori, dovrà ripresentarsi nel corso di quella vita o di una vita futura con il peso “risarcitorio” di ulteriori conseguenze fino alle generazioni immemori( come nel senso della stessa morale cattolica rinvenibile, ad esempio, in“ e il sue sangue ricada sulla testa nostra e dei nostri figli, Mt 27, 24-26”, che quella stessa morale ritiene aprioristicamente applicabile indifferentemente  sia all’aborto che all’omicidio volontario).
 
Che si assecondi l’impulso inconsciamente naturale a favorire la vita terrena del nascituro o si assecondi l’arbitrio consciamente innaturale, inconsapevole del divenire e quindi irresponsabile per la coscienza terrena, di privarlo della possibilità d’incarnarsi, si determina un nuovo concatenamento di cause ed effetti il cui chiarimento avverrà con un inevitabile ulteriore pareggio del divenire a “costi più alti”.
 
Si è osservato come spesso una donna che ha interrotto volontariamente la sua gravidanza sia di nuovo ed inaspettatamente incinta dopo qualche tempo; oppure che nel suo gruppo parentale concepisca, inaspettatamente, una sorella o una cugina o una nipote, che forse non voleva o neppure poteva avere una gravidanza.
In entrambi i casi si rende possibile, per lo spirito che deve incarnarsi, un varco terreno, sia pure con qualche ritardo all’appuntamento, presso la madre prescelta o presso un’altra donna inserita nella stessa corrente ereditaria e che viva in condizioni ambientali, familiari e di divenire energeticamente abbastanza simili, seppur non identiche, a quelle di colei attraverso la quale sarebbe dovuto venire al mondo. Solo che, rispetto all’evento del divenire prefissato, in questo caso ci sarà un debito da saldare, in forme che, ragionevolmente, vadano a risultare più o meno cariche di espiazione, a seconda dell’eventuale maggiore, minore o nulla consapevolizzazione eventualmente sopravvenuta in “tempo utile”.  

Elaborazione e citazioni di AA.VV. cura di
Paolo Turati   

CORAGGIO E DIGNITA'

Raramente condivido il "verbo" del Vaticano, ma lo faccio volentieri in questo caso: una presa di posizione coraggiosa e dignitosa, stanti i tempi, quest'ultima di Papa Ratzinger.

Paolo Turati


Il Papa: «Aborto mai terapeutico, i medici non ingannino le donne» 

ALCHEMICA

Inaugurazione della mostra ALCHEMICA a Villa Gualino, organizzata da Italia Arte di Guido Folco, cui ho volentieri partecipato venerdì 25 Febbraio intrattenendomi brevemente con gli artisti.

 
Nella foto più sotto( così come quella sopra realizzata da Rosalba Pastorino), sono col pittore valtellinese Ugo Mainetti, che attualmente sta esponendo anche a New York una pittura Surrealista simil-gruppo Kobra ma davvero "potente" quanto ad immaginificità. Mi ha davvero colpito( e tutto sanno che non amo particolarmente il figurativo!).

Paolo Turati

CLAUDIA PORCHIETTO,ASS.RE DELLA REG. PIEMONTE AL LAVORO E FORM.NE PROF.LE AL LIONS CLUB TORINO VALENTINO, 7-3-011 H 20,30

                                 Claudia Porchietto                             
                           BOSTON ART HOTEL

       VIA MASSENA 70, TORINO. H 20,30 DI LUNEDI' 7 MARZO 2011

           ORGANIZZAZIONE LIONS CLUB TORINO VALENTINO

 Il Presidente Paolo Turati invita alla serata con cena (30 €)sul tema  
                       
                                Lavoro in Piemonte:
congiuntura in corso, caratteristiche, criticità e provvedimenti

                                                 RELATRICE 

                       DOTT.SSA CLAUDIA PORCHIETTO

        ASS.RE REG.PIEMONTE AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

(numero di posti limitato, per info e prenotazioni: associazione.structura@hotmail.it)

QUALCOSA DI MENO SERIOSO DEL SOLITO, PER VOI ROMANTICONI!

Oggi mi astengo dall'ammannirvi le solite lectio economiche ed ammicco volentieri l'occhio ai sentimenti.
Sarà per via dell'età che mi rende nostalgico, ma da due giorni mi ronza nella testa questo pezzo disco soft di Stephen Schlaks degli anni Ottanta…stasera l'avrò suonato alle tastiere 10 volte…qui il link di YouTube, per voi romantici!

Paolo Turati