I PIU’ BEI MOTIVI DEL NOVECENTO-LA CLASSIFICA DI PAOLO TURATI: MEDAGLIA DI LEGNO PER COLE PORTER

Piedi del Podio nella classifica dei più bei motivi del Novecento per il più grande di tutti: Cole Porter. Eccovi “Night and Day”, prima di lasciarvi a bagnomaria per i sei giorni in cui sarò impegnato a Venezia alla Mostra Internazionale del Cinema: dopo di che saprete chi sono i primi tre( se volete, tentate di indovinare o proponete i vostri preferiti).

Paolo Turati

IL GRANDE JAZZ SBARCA A COCCO…WINE 2015 CON TACTICA

Con piacere, Tactica Srl ha contribuito ad organizzare un evento musicale di livello internazionale nel novero delle manifestazioni di Cocco…Wine 2015, che si terranno Sabato 5 e Domenica 6 Settembre in quella splendida “Riviera del Monferrato” a 500 metro s.l.m. .. Il Jazz Quartet Giulio Camarca, con i relativi componenti Giulio Camarca, Massimo Camarca, Giorgio Diafena e Paolo Dutto suoneranno Domenica 6 nel pomeriggio a Cocconato, Comune con cui noi( Paolo Turati, Giulia Turati e Rosalba Pastorino, che saremo ovviamente presenti!) condividiamo da decenni un rapporto territoriale speciale!

Paolo Turati

Go Wine, associazione per la promozione dell’enoturismo e dei territori del vino.
gowinet.it|Di Redazione

I PIU’ BEI MOTIVI DEL NOVECENTO-LA CLASSIFICA DI PAOLO TURATI: AL QUINTO POSTO LEONARD BERNSTEIN

Leonard Bernstein si aggiudica il quinto posto nella classifica che vi sto da giorni proponendo sui più belli 10 motivi ‘overall’ del Novecento. “Maria(+Nonight)”, da ‘West Side Story’, sono nella fattispecie proposti da Josè Carreras, Placido Domingo e Luciano Pavarotti, io tre tenori top dell’ultimo quarto del Secolo che ha visto, con i vari Enrico Caruso, Tito Schipa, Mario Del Monaco una netta prevalenza delle ugole italiane.

Paolo Turati

pavarotti & carreras & p. domigo – maria – roma 1990 -visita PAKOMUSICALATINO.COM
youtube.com

MOTO GP: TRIPLETE PER L’ITALIA AI DANNI DELLA SPAGNA A SILVERSTONE!

DSC_0158

Domina The Doctor, imbattibile sul bagnato e sempre primo nella Classifica generale, davanti ai Ducatisti Danilo Petrucci ed Andrea Dovizioso. Fuori Marquez, quarto Lorenzo, Pedrosa dietro. Mah, chissà se vale la pena, al di là del “panem et circenses”, di continuare a perdere tanto tempo dietro il Calcio, con ona Nazionale che ai Mondiali ormai va sempre fuori al primo turno, quando ci sono sport come questo, l’MX1,  il Nuoto, addirittura il Tennis che ci regalano podi su podi e poco a nulla ce li filiamo… .

Paolo Turati

PAOLO TURATI INTERVISTATO DA MARCO FONTANA PER L’AGENZIA RUSSA “SPUTNIK” SULLA CRISI CINESE

Grecia e Cina rappresentano due crisi molto diverse, ma in un pianeta governato dalle regole della globalizzazione possono essere facce della stessa medaglia.
it.sputniknews.com|Di Sputnik

TACTICA ALLA MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA 2015

Col consueto entusiasmo, come ormai da anni, Tactica Srl, col sottoscritto e con Rosalba Pastorino che hanno avuto il piacere di venire ufficialmente accreditati dall’Organizzazione, partecipa alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia. Saremo lì dalla sera prima dell’Inaugurazione ufficiale per tutta la prima settimana per quest’annata speciale dedicata, tra l’altro, alla ristrutturazione dei migliori film di Orson Wells, un attore, come protagonista, tra l’altro, del IL SOGNO DI TESLA( https://www.youtube.com/watch?v=R7bA2cQyBQI ) da noi, come forse saprete assieme al perché, molto amato. Potrete seguire sui nostri spazi web( o sul periodico Italia Arte Italia Arte) gli eventi.

Paolo Turati

I PIU’ BEI MOTIVI DEL NOVECENTO-LA CLASSIFICA DI PAOLO TURATI: AL SESTO POSTO ELVIS PRESLEY+THE BEATLES

Sesto posto nei motivi più belli del Secolo scorso: impossibile dimenticare coloro che hanno dettato i nuovi canoni musicali del Dopoguerra e non solo, cioè Elvis Presley in America e i Beatles in Europa. Ci si sarebbe dovuto riferire indubbiamente ad “Imagine” di John Lennon, almeno per i Fab4, ma non ce la faccio, troppo melensa, anche se è un simbolo musicale ineludibile del nostro recente passato( se volete, comunque, ecco qui il link:https://www.youtube.com/watch?v=DVg2EJvvlF8 ) . Ecco allora “Something”, di George Harrison, nell’interpretazione magistrale ed inarrivabile del “Dio di Menphis” alle Hawaii nel Concerto che nel 1973 fu visto in Mondovisione da 1 miliardo e mezzo di persone.

Paolo Turati